TENSOFLOOR: La pavimentazione in post-tensione JOINT-FREE, no Joint-Less

Tempo di lettura: 3 minuti

TENSOFLOOR: La pavimentazione in post-tensione JOINT-FREE, no Joint-Less

La nascita della pavimentazione industriale in post-tensione non è una storia affascinante in sé e per sé, ma rappresenta un esempio vincente della cooperazione fra diversi attori, a partire dalla progettazione fino alla rifinitura in cantiere

Era il 2005 quando a Viganò, in Brianza, Umberto Sirtori (dirigente di Tenax) si ritrovò fra le mani un problema non da poco: il pavimento tradizionale fatto posare nel nuovo magazzino merci  breve tempo si era completamente disfatto.

“Due mesi dopo la posa quel pavimento si sgretolava” – ricorda Sirtori – “obbligandoci a seguire le vie legali e ad avviare alcune perizie. In quel contesto, abbiamo chiesto la consulenza del geometra Silvio Cocco, il quale ci ha formulato una proposta per i tempi sbalorditiva: un nuovo pavimento in post-tensione. Da una parte, si trattava di una sfida. Dall’altra abbiamo valutato attentamente l’intervento e i suoi benefici: contare su una perfetta planarità ed evitare ai nostri carrelli robotizzati i minimi sobbalzi, potendo aumentare velocità e quindi ‘produzione’ e senza far mai cadere le merci, era un aspetto che ci allettava. Abbiamo raccolto la sfida e alla fine abbiamo avuto ragione”. Da quel lontano 2005 sono passati ormai 13 anni, ma guardando oggi quel pavimento post-teso di 12mila metri quadrati non lo si direbbe, nonostante le quotidiane sollecitazioni dei carrelli automatizzati per la movimentazione delle merci. “Le ruote dei robot non sono mai state sostituite” – rileva Sirtori – “in quanto la planarità ha fatto sì che non si consumassero. Le batterie, inoltre, non hanno mai fatto tracimare liquido, mentre i robot non hanno mai avuto bisogno di manutenzione”.

“Mi preme sottolineare – aggiunge Silvio Cocco – che quella di Tenax è la prima pavimentazione industriale italiana progettata, ovvero con alle spalle un vero e proprio progetto con software ad hoc e un iter di controlli che accompagna tutte le fasi costruttive. Va predisposto e calcolato l’ordine delle azioni che si andranno a eseguire per quanto riguarda l’intervento in generale e i suoi aspetti più delicati”.

Un altro attore di grande importanza è poi l’Istituto Italiano per il Calcestruzzo, come racconta Silvio Cocco: “il ruolo di I.I.C. risulta cruciale, in quanto è proprio all’Istituto che fa capo il controllo del materiale e del suo impiego lungo l’intero processo, inclusa la produzione in centrale di betonaggio.

Si tratta di un controllo preventivo e nelle fasi operative: un controllo totale”. Quest’ultimo deve passare inevitabilmente dalla selezione dei materiali migliori. Aeternum, l’ultimo “personaggio” di  questo quadro post-teso, è un compound di additivi realizzato appositamente da Tekna Chem, e che trova nel sistema Aeternum Cal il suo completamento.

“Compensatori di ritiro, implementatori di resistenze e vari altri additivi a base di nanosilici – spiega Cocco – fanno sì che il calcestruzzo additivato con Aeternum, e già impiegato in più di 1  milione di metri quadrati di post-teso, sia assolutamente impermeabile non solo all’acqua, ma anche al vapore e quindi resistente a tutte le classi d’esposizione. Tanto maggiore è la penetrazione del vapore in un calcestruzzo, tanto è minore la sua vita utile.

Fondamentali le misure e i controlli, come:

  • l’esatto posizionamento dei casseri, la posa dei cavi e le relative testate di tiro e di bloccaggio;
  • la preparazione dei campi di getto, da parte dei nostri tecnici della post-tensione prima di lasciare il campo al betonaggio;
  • i getti in calcestruzzo anch’essi controllati in tutte le loro fasi, dalla preparazione e qualifica nella centrale di betonaggio, all’arrivo in cantiere per autorizzarne l’impiego.

Pavimento Floortek

Una presenza continua: dal progetto al controllo al collaudo. La pavimentazione post-tesa, priva assolutamente di ogni tipo di giunto, eseguita con AeternumCal, un calcestruzzo ad alte prestazioni anche meccaniche oltreché fisico-chimiche, offre innumerevoli vantaggi non sempre intuibili come ad esempio l’impiego di questa tecnologia nell’esecuzione di Piattaforme Ecologiche, atte allo stoccaggio e lavorazione di ogni genere di rifiuti. Piattaforme impermeabili e resistenti all’aggressione chimica; piattaforme progettate per consentire il recupero dei percolati senza timore alcuno di poter inquinare terreni e ancor più falde freatiche. O l’impiego come piastra di fondazione continua, sulla quale far spiccare pilastri in acciaio o calcestruzzo portanti, atti a sostenere coperture in lamellare, consentendo di costruire unità produttive estremamente economiche e assolutamente antisismiche che conservino tutte le formidabili caratteristiche del pavimento post-teso.

Tredici anni di realizzazioni, oltre un milione di mq eseguiti, dovrebbero far sparire ogni scetticismo.

Credits Il Giornale dell’Ingegnere

Condividi

Newsletter

LEGGI l'INFORMATIVA

Calendario dei prossimi eventi

Articoli popolari

Il calcestruzzo per la durabilità delle opere

Il calcestruzzo per la durabilità delle opere

«Fare innovazione innalzando costantemente la qualità dei prodotti offerti». Lo sa bene il geom. Silvio Cocco, leader dell’azienda di prodotti chimici per il calcestruzzo TEKNA CHEM, che

Un’azienda che fa la differenza

Un’azienda che fa la differenza

L’amore per il calcestruzzo, la passione e gli importanti investimenti in ricerca e sviluppo hanno permesso alla Tekna Chem di fornire ai propri clienti prodotti

Ultimi Video

LEGGI l'INFORMATIVA

LEGGI l'INFORMATIVA

Articoli correlati